+ Ti raccomando, carissimo fratello, a Dio onnipotente ed a Lui, del quale sei creatura, ti affido; affinché, quando avrai pagato, mediante la morte, il debito dell’umanità, ritorni al tuo Autore, che ti ha formato dal fango della terra. Perciò, all’anima tua che esce dal corpo, si faccia incontro lo splendido corteo degli Angeli. Venga innanzi a te il senato degli Apostoli a giudicare; si muova ad incontrarti l’esercito trionfante dei Martiri; ti circondi la casta turba dei candidi Confessori; t’accolga il coro delle Vergini festanti; ti stringa al seno dei Patriarchi l’amplesso della beata requie; san Giuseppe, Patrono dolcissimo dei morenti, t’infonda grande speranza; la santa Vergine Madre di Dio Maria rivolga benigna a te i suoi occhi; mite e giulivo il Cristo ti mostri il Suo volto e conceda di ammetterti tra coloro che continuamente Lo assistono. Possa tu ignorare gli orrori delle tenebre, lo stridore delle fiamme, lo strazio dei tormenti. Si ritiri da te il crudelissimo Satana con i suoi satelliti e nella tua venuta, essendo tu in compagnia degli Angeli, tremi e fugga nell’immane caos della notte eterna. Si levi Iddio e siano dispersi i Suoi nemici; fuggano quei che l’odiano dinanzi a lui. Come svanisce il fumo, svaniscano essi; come si scioglie la cera innanzi al fuoco, così periscano gli empi dinanzi a Dio: ed i giusti siano saziati ed esultino avanti a Dio. Siano perciò confuse e svergognate tutte le legioni infernali e i ministri di Satana non osino ostacolare il tuo viaggio. Ti liberi dal tormento Cristo, che fu crocifisso per te. Ti liberi dalla morte eterna Cristo, che si degnò morire per te. Cristo Figlio di Dio vivo, ti ponga tra le sempre amene verzure del Suo Paradiso ed Egli, vero Pastore, ti annoveri tra le Sue pecore. Egli ti assolva da tutti i tuoi peccati e ti collochi alla Sua destra, insieme con i suoi eletti. Vegga tu il tuo Redentore faccia a faccia e ministro sempre assiduo possa tu contemplare con i beati occhi la manifestissima verità. Posto dunque tra le schiere dei Beati, si sazi dolcemente nella contemplazione divina, nei secoli dei secoli. Così sia. +

[23 febbraio, San Pier Damiani, Vescovo, Confessore e Dottore della Chiesa (Ravenna, 1007 - Faenza, 21 febbraio 1072). San Pier Damiani, dell’Ordine dei Camaldolesi, Cardinale e Vescovo di Ostia, Confessore e Dottore della Chiesa, il quale nel giorno precedente volò al cielo].